martedì 4 novembre 2014

Cooking Sara #17 - Halloween!


E' arrivato Novembre con la sua pioggerellina fastidiosa e la nebbia.
Ho tirato fuori dall'armadio i maglioncini e i miei cappelli colorati e finalmente posso mettere il mio pigiamone di pile senza sentirmi un caso umano!
Infondo mi piace l'autunno. Mi piacciono i suoi colori e le giornate che a volte passano indistinguibili l'una dall'altra, perse nel languore di un tè caldo ed un film visto sul divano, sotto un bel plaid, accoccolata alla mia dolce metà (che mi ama anche con il pigiamone).
E c'è ovviamente un'altra cosa che mi piace di questa stagione: le verdure!
E' tempo di zucca e verza ed io vado in brodo di giuggiole (sì, lo so, sono vecchia dentro).



By the way, è pure passato Halloween e siccome sono una persona molto discreta che non va mai in giro a raccontare i suoi desideri (!!!), mi hanno regalato una mega zucca da intagliare!!!
Ora..ho sempre sognato di fare una vera festa di Halloween con tanto di zucca spaventosa e bambini alla porta a urlare "dolcetto o scherzetto"..e così quest'anno l'ho fatto!
Ok, i bambini non si sono avvicinati in realtà ma avevo la zucca, i dolcetti ed i miei amici..quindi desiderio realizzato!
Certo, scavare e decorare la zucca non è semplicissimo e sicuramente non ho soddisfatto le mie aspettative..ma che importa!
Era bellissima ugualmente!



E visto che non amo sprecare, nel togliere la polpa ho cercato di salvarne il più possibile per preparare qualche zuppa prelibata!
Quindi vellutata, risotto, zuppa di zucca ma soprattutto..biscotti!!!
Ho voluto provare una ricetta semplice, di biscottini "brutti ma buoni" da mangiare insieme ad un bel tè caldo e sono molto soddisfatta!
Ai fornelli!

ZUCCOTTI

Ingredienti (per circa 50 biscotti):
600 gr di farina
2 uova
200 gr di zucchero
100 gr di burro
80 gr di uvetta
200 gr di polpa di zucca
1 bustina di lievito per dolci
cannella/sale/zucchero a velo q.b.

Procedimento:
Prima di tutto mettetevi l'anima in pace: dopo aver preparato questi biscotti avrete zucchero a velo per tutta casa ed in punti che non pensavate nemmeno di avere!
Io ho iniziato tagliando la zucca a dadini e mettendola a cuocere a vapore per circa 20 minuti.
Nel frattempo ho versato l'uvetta in un piatto e l'ho riempito con acqua fredda per farla ammorbidire.



A parte ho setacciato la farina con lo zucchero a velo, la cannela ed un pizzico di sale e ho unito il burro morbido a pezzetti e le uova. Ho impastato il tutto (con le mani, ma si può fare benissimo anche con la planetaria e il gancio) fino ad ottenere un impasto simile alla frolla, dopodichè ho aggiunto la polpa di zucca (precedentemente frullata) e l'uvetta strizzata.
Ho continuato ad impastare fino ad ottenere un composto omogeneo (e che profumo!).
Ho rovesciato della farina sul tavolo e ho steso la pasta in una sfoglia di circa 1 cm di altezza, poi con una formina per biscotti circolare, ho tagliato dei dischetti.



 Ho acceso il forno a 180° e preparato le placche con la carta da forno, poi ho rovesciato sul piano dello zucchero a velo ed ho "impanato" i biscottini da entrambi i lati prima di posizionarli sulle placche e quindi in forno.
Cottura a 180° per 20 minuti..et voilà!


Dalla quantità di biscotti ingurgitati dal mio ragazzo a colazione, direi che sono venuti benissimo! <3
Continue reading...

lunedì 13 ottobre 2014

Cooking Sara #16 - Homemade


C'era una volta un lunedì piovoso ed una ragazza che aveva finalmente ritrovato un po' di tempo da dedicare a se stessa e alle cose che amava..

Ed eccomi qui..
Nuova casa, nuovo lavoro (anzi, lavori!), nuovi progetti..stessa Sara!
E vecchia o nuova, sono sempre la solita pasticciona che quando ha un giorno libero e la casa vuota, si mette a smanettare in cucina.
Da un po' di tempo ho finito il mio dado vegetale fatto in casa, così stamattina ho approfittato di una pessima giornata di pioggia per comprare gli ingredienti necessari a prepararlo.
Io amo molto l'autunno e le verdure di questa stagione, tanto che mangerei solo zuppe e minestroni..ed un buon dado arricchisce molto queste ricette.
Ho imparato in questi ultimi anni a mangiare solo frutta e verdura di stagione e se possibile biologica e cerco di mangiare sempre più dalla terra e meno dagli scaffali del supermercato; per questo motivo non compro i dadi confezionati..li faccio!
Il dado è una cosa semplicissima da preparare, ma che regala davvero molte soddisfazioni.
Se volete provarlo, ecco la ricetta.

DADO VEGETALE
Ingredienti:
250 gr di carote
250 gr di sedano
250 gr di cipolle
250 gr di sale

Procedimento:
La prima cosa da specificare è che si può usare qualsiasi tipo di verdura a proprio piacimento, nella quantità desiderata, l'importante è ricordarsi di pesare il totale delle verdure in quanto la quantità di sale dovrà essere sempre un terzo delle verdure (io ho usato 750 gr di verdure e dunque 250 gr di sale).
Ho tagliato a dadini cipolle, carote e sedano (ho scelto solo queste verdure in quanto preferisco un dado più semplice) e, dopo averli lavati, li ho messi in una casseruola con un filo di olio extravergine d'oliva.



Ho fatto cuocere le verdure per una ventina di minuti insieme all'olio, dopodiché ho aggiunto il sale e lasciato cuocere per un'oretta a fuoco basso e con il coperchio.
In questo lasso di tempo è necessario mescolare di tanto in tanto in quanto le verdure rilasceranno la loro acqua.
Una volta pronte le verdure, le ho frullate con il mixer ad immersione e ho lasciato cuocere l'impasto ottenuto ancora per dieci minuti, prima di spegnere.






Una volta pronto, ho trasferito il dado in un vasetto di vetro e l'ho lasciato raffreddare avvolto in un panno, prima di etichettarlo e metterlo in frigo!


L'alternativa al barattolo è stendere il lievito su un foglio di carta stagnola e formare un rettangolo dell'altezza di 1cm, da tagliare poi a dadini e congelare in freezer.
Insomma, dategli la forma che volete..ma fatelo in casa!

E stasera..minestrone! :D
Continue reading...

mercoledì 16 luglio 2014

Cooking Sara #15


Prendete due persone che si amano come scemi e riunite i mille libri di lei ai mille di lui, le scarpe di lei alle sigarette spente di lui, il Sambuca e lo Scotch, all'interno di un'unica casa con un giardino splendido.
Prendete il dolce più buono che sappia d'estate, quello che vi comprava il nonno da bambini, prima di andare al parco.
La mia vita in 4 righe.

E pazienza se ci sono ancora scatoloni in giro per casa e ho le braccia sempre sporche di gelato al cioccolato, a volte è proprio bello essere dove vuole il nostro cuore.

Oggi dopo una vita ho riacceso il computer e mi sono messa a scrivere..e subito mi è venuta voglia di prepararmi un bel pranzetto da condividere.

Forse ho meno tempo di prima, ma non perdo le buone abitudini.


SPAGHETTINI INTEGRALI CON PESTO DI ZUCCHINE E POMODORINI

Ingredienti (per due persone):
160 gr di spaghetti integrali
3 zucchine
2 pomodorini
olio d'oliva e parmigiano grattugiato q.b.



Procedimento:
In una giornata d'estate come quella di oggi, niente di meglio di un piatto semplice, veloce e gustoso come questo.
Dopo aver messo a bollire l'acqua per la pasta, ho tagliato a dadini i pomodori e le zucchine e ho fatto saltare il tutto in padella con un goccio d'olio, un pizzico di sale e mezzo bicchiere di acqua calda.
Dopo qualche minuto i pomodori e le zucchine si sono appassiti ed ammorbiditi, a quel punto ho spento il fuoco e ho versato il composto all'interno di un contenitore con del parmigiano grattugiato, frullando fino ad ottenere una morbida crema.
Ho scolato gli spaghetti al dente ed ho condito con il pesto di pomodorini e zucchine, aggiungendo poi un filo d'olio a crudo ed un rametto di salvia dal mio giardino aromatico.
Più semplice e buono di così!



Continue reading...

martedì 15 aprile 2014

Nottetempo


Tornare a casa e accorgersi di avere dimenticato una luce accesa e parlare con il criceto prima di mettersi il pigiama.
Bere un sorso d'acqua e accendere il pc, che anche se il letto è pronto, bisogna stare svegli ancora un po'.
Sorridere pensando a quante opportunità ci sono là fuori se si trova il coraggio di cercarle.
Sentirsi forti perché lui mi ha detto che io sono la grazia e la disinvoltura e mi ama per questo.
Controllare che nel frigorifero ci sia tutto perché domani voglio fare un dolce.

Spegnere la luce.

Notte.


Continue reading...

venerdì 28 marzo 2014

Cooking Sara #14


La primavera è ufficialmente arrivata e con essa le mie mille allergie..
Tra la dottoressa che mi chiama "super allergica" e mi augura una buona fortuna con questa primavera e gli occhi perennemente arrossati..non mi sto preparando al meglio alla stagione, ma nonostante questo continuo ad avere una gran voglia di sole e caldo!
La mia bicicletta è sempre pronta in cortile e non ho ancora imparato ad usarla con le Converse e non con le ballerine, ma fa nulla : vorrà dire che ad ogni pedalata perderò un pensiero negativo ed una scarpa!
E poi ci sono i curricula da portare in giro ed una speranza da non far scappare..
E le mie calle da piantare perché voglio alzarmi ogni mattina con un bagno di colori davanti agli occhi.

Questa sono io, sarò sempre io.
Anche quando dico che mi metto a dieta e poi preparo i brownies al cioccolato o finisco la tisana allo zenzero che era un regalo ed ora dovrò cercarla per tutta Torino.
E sono io quando rido perché al mio ragazzo vengono idee strane..tipo fare lo yogurt!
Eh si..perché le coppie felici ingrassano e preparano cose buone!
Così la ricetta di oggi è quella semplicissima dello yogurt bianco fatto in casa, per una colazione sana o una merenda golosa..e soprattutto per poter dire almeno ogni tanto di sapere cosa si sta mangiando!
Aggiungendo una buona marmellata o frutta fresca, diventa un ottimo yogurt alla frutta, ottimo per torte fresche (come la mia torta fresca con biscotto e yogurt alla ciliegia).
Bianco è ottimo anche per creare salse o per sostituire lo yogurt greco (in quanto molto meno calorico) in alcune ricette golose come il mio pollo al curry.


YOGURT BIANCO FATTO IN CASA

Ingredienti:
1 litro di latte
125 gr di yogurt o fermenti lattici
un thermos da un litro

Procedimento:
La prima volta che il mio ragazzo mi ha detto "facciamo lo yogurt", l'ho preso per pazzo e non immaginavo lontanamente che fosse così semplice e soddisfacente.
La cosa bella del prepararlo è che ci vogliono 10 minuti e poi qualche ora per farlo fermentare, quindi è una cosa che si può fare prima di andare a letto o mentre si fanno altri lavori, in modo da averlo pronto al mattino.
Inoltre, per fare lo yogurt serve sempre dello yogurt precedentemente fatto (o i fermenti lattici), un po' in stile "lievito madre": basterà lasciarne qualche cucchiaio prima di finire il barattolo, per farne di nuovo!
La prima cosa da fare quindi è mettere il latte in un pentolino e scaldarlo senza portarlo ad ebollizione: con il termometro da cucina basta controllare che non superi i 40°, altrimenti basta toccarlo con un dito e spegnere quando sarà sufficiente caldo senza scottare.
A questo punto prendiamo lo yogurt già pronto (meglio se lo tiriamo fuori dal frigo una mezzoretta prima di cominciare) che potrà essere magro o zuccherato, a seconda dei gusti e con un mestolo versiamo un po' di latte nel contenitore in modo da mescolarlo allo yogurt e poi versiamo il tutto nel pentolino con il restante latte, in modo da non far formare grumi.
Continuiamo a mescolare accendendo la fiamma bassa sotto al pentolino, in modo da fare nuovamente uniformare il calore; dopodiché, incredibile ma vero, è fatta!
Versiamo il tutto in un thermos precedentemente pulito con acqua bollente e svuotato e lasciamo fermentare lo yogurt in un luogo asciutto per 8 ore.
Passato questo tempo, andando ad aprire il thermos scopriremo che si è formato una specie di patina, un tappo sulla superficie dello yogurt: basterà smuoverlo con un cucchiaio, versare lo yogurt in un contenitore ermetico e lasciarlo raffreddare in frigorifero altre 2 ore prima di mangiarlo!




Si ringrazia il mi fantastico fidanzato per la collaborazione! 
Continue reading...

mercoledì 5 marzo 2014

Cooking Sara #13


Cose belle che mi sono capitate nelle ultime settimane:

  • mi è stato regalato un criceto Roborovskij e si chiama Potter
  • non sono allergica al criceto Roborovskij
  • ho iniziato a fare volontariato e ricevo più gratificazioni di quante ne abbia mai ricevute nei miei passati posti di lavoro
  • una persona a cui voglio molto bene è stata male ma ora è guarita e siamo più unite che mai
  • sta iniziando la primavera e tra poco potrò piantare le mie calle
  • sono andata a Milano alla mostra di Andy Warhol con il mio migliore amico
  • il mio fidanzato mi ama nonostante le mie temporanee crisi di pianto ingiustificate
  • sono venute a trovarmi due amiche lontane
  • l'ho già detto che ora ho un criceto?


Cose brutte che mi sono capitate nelle ultime settimane:

  • troppe ore in ospedale ad aspettare una bella notizia (che per fortuna è arrivata, si veda sopra)
  • Leonardo Di Caprio non ha vinto l'Oscar
  • ho preso un kg e l'ho riperso quindi non so se sia una cosa bella o brutta; è solo una cosa
  • ha piovuto tanto e mi sono un po' depressa
  • ho avuto mal di denti
  • sono andata a Milano e non ho fatto nemmeno un po' di shopping
Tra le cose che ho fatto, c'è stata una fantastica lasagna vegetariana per cui beh, non posso non mettere qui la ricetta..

LASAGNA VERDE ALLA ZUCCA
Ingredienti:
Per la sfoglia:
400 gr di farina
2 uova
130 gr di bietole (o spinaci) lessate
un pizzico di sale

Per condire:
2 mozzarelle
250 gr di zucca
1 carota
1 cipolla
1/21 litro di latte
un cucchiaino di dado vegetale
400 gr di ricotta
50 gr di burro
50 gr di farina
un pizzico di sale e noce moscata

Procedimento:
Per prima cosa ho preparato la pasta fresca: in una ciotola (meglio ancora se si ha la spianatoia) ho messo la farina creando un piccolo buco nel mezzo, dove ho versato le uova, il sale e le bietole precedentemente lesse e tritate nel mixer; ho amalgamato il tutto fino ad ottenere una palla compatta e ho lasciato riposare in frigo per mezz'ora.



Dopodichè ho steso la pasta con la macchinetta e ho ricavato dei rettangoli di sfoglia.
Per il condimento della lasagna, ho deciso di provare qualcosa di nuovo e mi sono lasciata guidare dalle verdure che avevo nel mio frigorifero.
Ho messo in un pentolino il latte, la zucca, la carota e la cipolla (tagliate a dadini della stessa dimensione), insieme ad un cucchiaino di dado vegetale, ho lasciato cuocere a fuoco basso per circa 40 minuti, fin quando tutte le verdure non sono risultate morbide ed il latte di un bel colorito arancione.
A quel punto ho deciso di usare il latte dove ho cotto lo verdure per fare una besciamella gustosa!
Ho quindi tolto le verdure con la schiumarola e le ho messe in una ciotola, mentre ho riacceso il fuoco sotto il pentolino con il latte. 
A parte ho messo in un pentolino il burro e l'ho fatto sciogliere lentamente, per poi aggiungere la farina che avevo precedentemente mischiato in una tazza con un goccio di olio d'oliva, in modo da non creare grumi una volta aggiunta al burro.
Ho amalgamato bene il composto e l'ho versato nel latte caldo (con l'aggiunta di un pizzico di sale e noce moscata), continuando a mescolare e lasciando cuocere per alcuni minuti.
Una volta addensatosi il latte,  pronta la besciamella.





A quel punto ho preso la ciotola con le verdure e le ho amalgamate delicatamente con la besciamella e la ricotta, ottenendo così una crema soffice per condire la lasagna.
Ho alternato uno strato di pasta con la crema, aggiungendo anche la mozzarella a cubetti e del grana alla fine.



Una volta riempita la teglia, ho aggiunto del latte per fare in modo che durante la cottura non si seccasse troppo la pasta.
Ho cotto in forno a 180° per circa 55 minuti..
Un successo assicurato!




Le presentazioni alla fine..
Benvenuto piccolo Potter! <3
Continue reading...

venerdì 14 febbraio 2014

8 Days A Week


Credo nell'amore di tutti i giorni, otto giorni a settimana.
Credo nei risvegli con la schiena a pezzi perché a volte è scomodo dormire attorcigliati, ma quanto è bello.
Credo nel "vieni a cena che ti ho preparato qualcosa di buono" e nel suono del citofono che mi fa correre alla porta con il cuore che batte, sempre e ancora.
Credo nei pomeriggi piovosi passati sul divano a perdersi dentro un film con un bicchiere di sambuca in mano.
Credo ai baci sulla fronte prima di addormentarmi e al solletico ai piedi per farmi togliere i calzini.
Credo nelle frasi dolci e gentili buttate lì quasi per caso, molto più che alle grandi dichiarazioni.
Credo all'amore silenzioso e profondo di un sorriso, molto più che a tutti i San Valentino del mondo.

Credo nell'amare otto giorni su sette.

The Beatles, "Eight Days A Week"
Continue reading...
 

The importance of being Sara Copyright © 2009 Designed by Ipietoon Blogger Template In collaboration with fifa
and web hosting